gototopgototop
  1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

Il sacchetto di plastica

 

08/12/2008 - Il sacchetto di plastica di Giorgio Abate

Nel 2002 mi recai a Maputu, in Mozambico per accompagnare un gruppo musicale che in seguito a donazioni devolute ad una nota Associazione, doveva inaugurare una piccola unità ospedaliera utile ad alcuni villaggi della zona. Durante la visita, ebbi un’esperienza che credo, non dimenticherò mai e che mi ha fatto pensare molto. Un bambino di 6 o 7 anni, guardava ed indicava insistentemente la busta di plastica (tipo quelle del supermercato) che avevo in mano, contenente alcuni depliant. Incuriosito chiesi alla guida locale che ci accompagnava di domandare al bambino cosa volesse. Dopo aver parlato col piccolo, la guida mi spiegò che il bimbo voleva che gli regalassi la busta, perché, a suo dire, nel suo villaggio chi ne possedeva una era da considerarsi ricco.

Ancora più incuriosito da questa asserzione, chiesi di domandargli perché secondo lui fosse ricco chi possedesse una busta di plastica e soprattutto cosa né avrebbe fatto. Dopo aver parlato con lui, la guida mi spiegò: “Nel suo villaggio, i bambini della sua età sono incaricati di fare provviste d’acqua, facendo la spola per tutto il giorno, tra il villaggio ed il pozzo che si trova a 4 chilometri di distanza e per lui, avere una busta come quella, rappresentava non doversi caricare più sulla testa la pesante giara di creta, sia all’andata, vuota, che al ritorno, piena, ed inoltre significa poter portare una quantità maggiore d'acqua ad ogni viaggio, data la capienza del sacchetto, senza contare che all’andata sarebbe potuto andare al pozzo “correndo” insieme ai suoi coetanei, fortunati possessori di una busta di plastica…

Per questo bambino del Mozambico, l’unico gioco era rappresentato dal poter correre fino al pozzo, in una sorta di gara con i suoi compagni, tra un viaggio e l’altro, cosa che gli sarebbe stata certo impedita se avesse dovuto trasportare anche all’andata la pesante giara di creta…

L' ospite inatteso

 

13/12/2008 - L'ospite inatteso di Giorgio Abate

Proprio ieri, alla radio ascoltavo la pubblicità di un film in programmazione al cinema in questi giorni.

Il suo titolo mi ha colpito: “L’ospite inatteso”.  Mi ha fatto pensare alla Signora “Morte”, arrivata improvvisamente come tale, nella nostra vita, a novembre dell’anno scorso, sconvolgendola e dando alla nostra famiglia quel senso di incredulità costante, che lascia ognuno di noi totalmente attonito. Mi domando perché accada questo? Forse non pensiamo che la Signora esista? Eppure vediamo la TV, leggiamo i giornali, guardiamo i film, i media in genere non parlano d’altro, ci tartassano con notizie sconvolgenti da mattina a sera e mi domando: che cosa passa nella nostra mente quando sono gli altri a subire la visita della Signora? Cosa diciamo a noi stessi per esorcizzare la paura? Quanto siamo consapevoli che possa accadere anche a noi? Quanto siamo consapevoli del fatto che al momento della nascita, non ci è stata data alcuna garanzia sulla durata dei nostri giorni su questa terra? In India, si dice che la nascita sia un’illusione e la Morte invece, l’unica verità…. Questa è una forma di consapevolezza molto presente nel mondo orientale, fin dall’infanzia ogni essere umano viene messo a contatto con la Signora, facendogli prendere coscienza che questa esiste e che finché lo terremo a mente, non farà paura, non ci sorprenderà perché impareremo a conoscerla giorno dopo giorno. Ci sveglieremo con Lei, mangeremo con Lei, lavoreremo con Lei e ci addormenteremo con Lei… diventando quasi come una sorta di buona amica, che ci sta accanto in ogni istante della nostra giornata. In realtà, la Morte “vive” la nostra giornata, il nostro tempo, la nostra vita, vive con noi ed in noi, ma noi continuiamo ad ignorarla... Forse sconvolge un po’ pensare in questo modo, da noi, in Italia, se dovessi mai iniziare a parlare di questo argomento con amici o conoscenti, non farei in tempo ad iniziare che ci sarebbe una “grattata” collettiva e sarei subito esortato a cambiare soggetto…. TABU’ parlare della Morte… Ed è proprio per questo che la Signora ogni volta ci sorprende, non ci accorgiamo che ci fa paura solo perché non la conosciamo, non abbiamo confidenza con Lei, perché è misteriosa… ma dimentichiamo che siamo noi a sbatterle la porta in faccia ogni volta che Lei visita i nostri pensieri.

Dovremmo invece accoglierla, abbracciarla e farcela amica sul serio, guardarla e pensarla spesso, come si fa con un’amica, soprattutto nei momenti più belli e significativi della nostra vita, di modo che, coscienti della sua esistenza, impariamo a vivere in modo diverso, con meno arroganza e con una consapevolezza diversa che ci farebbe vivere molto di più nel presente, sicuramente apprezzando e dando un valore diverso ad ogni nostra azione e alla vita stessa.

L'importanza del gioco

 

08/12/2008 - L'importanza del gioco di Giorgio Abate

Nel ripensare a mio figlio, cosa che accade piuttosto spesso, mi viene in mente quanto il gioco fosse determinante nella sua esistenza e formazione.

Ho sempre creduto che in ogni bambino fosse naturale, sviluppare la propria voglia di giocare, come se questa facesse parte dell’essere umano, come l’appetito, la sete, l’istinto a camminare o a correre… ma non mi ero reso conto di quanto fossero importanti gli stimoli che noi adulti siamo portati a dare loro, spesso senza neanche rendercene conto.

Quando un bambino viene al mondo in una famiglia, tutto si trasforma, tutto prende una luce diversa, siamo portati a preparare una camera per il neonato dandogli un aspetto piacevole, la riempiamo di giochi, dipingiamo le pareti di un colore allegro, in modo che fin dal primo giorno di vita, recepisca il messaggio: “ noi ti amiamo e siamo felici della tua venuta!”. Per quanto possa sembrare improbabile, il bambino recepisce questo messaggio all’istante ed inizia il suo sviluppo psicologico e fisico. Un bambino sereno, mangia, dorme, sorride e piange solo se vuole comunicare o attirare l’attenzione della mamma o di chi in quel momento si sta occupando di lui… Sto dando per scontato che qualcuno si occupi di lui, perchè per mio figlio è stato così, come penso anche per tutti i bambini nel nostro immaginario. In realtà non è così, e purtroppo non lo è nella maggior parte dei casi… le statistiche parlano chiaro, solamente il 17% dei bambini al mondo vive un’infanzia degna di essere di essere considerata tale.

Nella maggior parte dei casi, i bambini crescono nell’indigenza più totale, non solo vedendosi negare qualsiasi diritto al gioco, che il più delle volte si rivela come l’ultimo dei problemi, ma dovendo scontrarsi fin dalla più tenera etàa contro problemi che nel nostro mondo farebbero intimorire più di qualche trentenne…. ancora figlio di famiglia. Se solo pensiamo ai bambini in Darfur, in Uganda, in Sierra Leone o in Iraq che vengono addestrati alle armi fin dai nove o dieci anni e spesso scompaiono nel nulla, senza lasciare alcun segno, senza un urlo e soprattutto senza che il mondo faccia qualcosa o soltanto se ne accorga…. Per non parlare del mondo della prostituzione dove innocenti “angeli” di sei o sette anni vengono fatti prostituire da demoni senza scrupoli con la subdola compiacenza di clienti di cui è preferibile tacere qualsivoglia commento…

A tutti questi bambini, viene negata ogni forma di vita, loro vengono ingannati dal momento in cui vengono al mondo, viene presentato loro un universo orribile e pieno di sofferenza, quasi sempre senza altra via di uscita che non sia la morte. Pensare a queste cose mi porta a considerare quanto siano fortunati gli orfanelli che vivono nei centri che Maria Pia ed io stiamo visitando… non hanno nulla, neanche i materassi su cui dormire ma si sentono fortunati ad avere un tetto ed un pasto caldo tutti i giorni… passano ore intere ad osservare il soffitto grigio della camerata, e si ricordano di quando stavano sotto la pioggia… e sono contenti…

Quando poi scoprono che si può addirittura “giocare” e vivere anche qualche momento di spensieratezza infantile… allora è magia.

Quattro

 

Cinque

 

Sei

 

Sette

 

SOSTIENICI

PER DONAZIONI CON BONIFICO BANCARIO - IBAN IT80T0100503386000000005101 oppure DONA ONLINE. Il tuo aiuto è molto importante. GRAZIE

FIRMA IL TUO 5 X 1000 A SMILINGANGEL

SmilingAngel - Dona 5 x 1000

ABBIAMO MIGLIORATO LA VITA DI TANTI BAMBINI E CI SENTIAMO IN DOVERE DI CONTINUARE A SOSTENERLI

IL TUO AIUTO E' INDISPENSABILE

LE FASI OPERATIVE DELLA NOSTRA ATTIVITA' SONO IN FACEBOOK E IN YOUTUBE

COSA PUOI FARE PER AIUTARCI?

Dona il 5 x 1000 dell’IRPEF a:

Smiling Angel Associazione Onlus Simone Pietro Abate

SMILING ANGEL - C.F. 10212121007

PER DONAZIONI CON BONIFICO BANCARIO:

IBAN  IT80T0100503386000000005101

oppure DONA ONLINE


Il tuo aiuto è molto importante

GRAZIE

COME FARE: Il 5 x 1000 è un piccola parte delle tue tasse. Puoi destinarla ad una ONLUS come Smiling Angel. Anche quest’anno puoi scegliere a chi donarla. Il 5 x 1000 non sostituisce una normale donazione: è un piccolo gesto in più, che non costa nulla, ma è di grande valore per chi la riceveCome sai, Smiling Angel non ha contributi dai governi, ma si basa unicamente sull’aiuto dei suoi sostenitori, persone come te che credono nel valore dei diritti umani. Scegli di essere al nostro fianco anche con il 5 x 1000. La tua dichiarazione dei redditi può dare grande forza al nostro impegno!

Destinare il 5 x 1000 a Smiling Angel è semplicissimo:

  1. Compila la scheda CUD, il modello 730 o il modello Unico.
  2. Trovi un riquadro dedicato al 5 x 1000. Dovrai solo apporre la tua firma e il numero di Codice Fiscale di Smilingangel: 10212121007

L'associazione riferirà dell'impiego dei fondi devoluti con il 5 per mille attraverso il sito Internet. Legge finanziaria (Legge 23 dicembre 2005 n. 266, articolo 1, comma 337)

CONTATTACI

Sede legale: Via Cassia, 1866 - 00123 Roma (RM)

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Associazione Onlus SmilingAngel

Bambini di Agra

La Smiling Angel, Associazione Onlus italiana di estrazione laica, è stata costituita a novembre del 2008, per volere di Giorgio e Maria Pia Abate, con l’obiettivo ed attraverso il gioco, di regalare un sorriso all’infanzia e all’adolescenza abbandonata e bisognosa, realizzando piccoli parchi e aree ludiche all’interno di strutture già pre-esistenti.

La Smiling Angel, si occupa inoltre della ristrutturazione e messa in efficienza di dette strutture, attraverso opere di ripristino edilizio, realizzazione o miglioramento dei servizi igienico-sanitari e sviluppo di piani educativi e di studio atti a favorire la crescita psicofisica di detti bambini, nonché di promuovere, con ogni utile mezzo, la salute, l’istruzione e la formazione professionale dell’infanzia e dell’adolescenza medesima.

Non possiamo cambiare il mondo, ma siamo certi che, come soleva dire Madre Teresa, l’oceano è fatto di gocce e senza queste gocce l’oceano sarebbe più piccolo…

Segui la nostra attività

In tutti questi anni, la nostra Associazione ha continuato la sua attività con lo stesso spirito, la stessa volontà e gli stessi principi di sempre, per offrire un istruzione scolastica adeguata, cure mediche, cibo e sostegno ai bambini che risiedono in India. Abbiamo lavorato ed abbiamo ottenuto sorprendenti risultati, sempre disposti ad affrontare nuove sfide. Oggi, più che mai, il sostegno dei nostri donatori è diventato fondamentale per portare cambiamenti concreti dove i bisogni sono maggiori, per intervenire e rendere l'assistenza accessibile a tutti.

Se sei interessato alla nostra attività e ti interessa vedere il nostro lavoro, leggi questo breve diario, con le principali foto delle attività svolte e alcune delle fasi dei nostri successi. Una breve ed interessante selezione della nostra attività, tutta da seguire. SmilingAngel è anche su FaceBook

Giorgio e Maria Pia Abate

Albania 2014

 

Vuoi seguire le nostre attività? Entra in FaceBook.

 


Abbiamo cambiato la vita di tanti bambini

SmilingAngel - Dona 5 x 1000

CHE COSA E' IL 5 X 1000

Il 5 x 1000 è un piccola parte delle tue tasse. Puoi destinarla ad una ONLUS come Smiling Angel. Anche quest’anno puoi scegliere a chi donarla. Il 5 x 1000 non sostituisce una normale donazione: è un piccolo gesto in più, che non costa nulla, ma è di grande valore per chi la riceve.

Fai la tua dichiarazione di fiducia a Smiling Angel

Firma subito per il 5 x 1000!

A SMILING ANGEL - C.F. 10212121007

Per la nostra attività dona il 5 x 1000

 

Grazie per ricordartene anche quest'anno.

 

DA COSI A COSI

Bomboniere Solidali

Bomboniere solidaliAcquistando le Bomboniere Solidali di Smiling Angel per Nozze, Battesimi, Comunioni, Laurea ecc. contribuirai a sostenere i progetti a favore dei bambini indiani. La nostra associazione acquista direttamente le Bomboniere Solidali in India, appoggiandosi a un gruppo di artigiani che utilizzano esclusivamente materiale locale, unendo modelli dell’antica tradizione artigianale indiana, (Il Taj Mahal, nel suo interno contiene questo genere di intarsi), al gusto del nostro design, garantendo raffinatezza ed un'ottima qualità del prodotto. Le nostre bomboniere sono realizzate completamente a mano, in marmo indiano di Makrana o in Alabastro italiano, intarsiate con madreperla o pietre dure semipreziose come corniola, lapislazzuli, agata, malachite, ecc.

 

 

Calendario e Brochure dell'Associazione

A fronte della grande richiesta, per tutti gli Amici e i Sostenitori di SmilingAngel è previsto il Poster, il Calendario parete 2016 e il Calendario scrivania 2016, facile da stampare e bello da conservare. Mese dopo Mese, Anno dopo Anno, una raccolta di foto dell'Associazione Onlus SmilingAngel.

2015 ALBANIA

 

2013/2014 INDIA

Brochure 2013/2014.

Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Español(Spanish Formal International)

Mappa del sito

Comunicazione

Simone

simone_023.jpg

Gallery Simone

Piccoli pensieri

Chi è online

 3 visitatori online

Angelo, tu che sei al mio fianco in questo momento che sono stanco, in questo momento che la mia unica gioia sei tu…

 

Sostienici

PER DONAZIONI CON BONIFICO BANCARIO - IBAN IT80T0100503386000000005101 oppure DONA ONLINE. Il tuo aiuto è molto importante. GRAZIE

Statistiche

Utenti : 1232
Contenuti : 112
Link web : 6
Tot. visite contenuti : 584368